Si parla sempre più spesso delle stampanti 3D, ma in cosa consistono?
Le stampanti 3D sono l’evoluzione della stampa a due dimensioni poiché partendo da un oggetto disegnato tramite software realizzano un modello tridimensionale. Qualche tempo fa questo tipo di tecnologia non era minimamente preso in considerazione poiché veniva visto come un oggetto fantascientifico. Oggi, invece, è anche abbastanza diffuso grazie alle continue ricerche sul campo. Questi strumenti diventano in grado di svolgere sempre più mansioni, utili perciò in tantissimi settori non solo dell’industria. La rivoluzione sta nel poter pensare un oggetto personalizzato, realizzarlo tramite software gratuiti o a pagamento, e poterlo avere finito sul proprio tavolo.


Tutorial realizzato nel laboratorio di modellistica di Scuola Italiana Design, Padova

Come funzionano 

La stampante 3D è ottima per realizzare quegli oggetti troppo piccoli e precisi per l’uomo e, soprattutto, per la produzione in serie. Il tutto parte da un programma di modellazione CAD, da installare sul computer, in cui vengono definiti dettagli e dimensioni del prodotto da stampare. Si realizza perciò il disegno 2D che verrà trasformato in oggetto tridimensionale. Il file viene poi trasferito al software collegato alla stampante stessa e le invia le informazioni necessarie per poter cominciare a stampare. Il macchinario crea l’oggetto principalmente secondo una procedura verticale: inizia cioè dal basso verso l’alto attraverso una stratificazione. Si parla dunque di produzione additiva poiché l’oggetto viene creato per strati con il materiale prescelto.

 

Tre metodi principali utilizzati dalle stampanti 3D:
SLS ovvero “selective Laser Sintering” o sinterizzazione laser selettiva. Funziona sfruttando il riscaldamento e la fusione di appositi materiali, come le sostanze termoplastiche o le polveri metalliche, per poi sistemarle nella posizione del disegno guida.
FDM ovvero “used deposition modeling” o deposizione fusa. Il procedimento è simile al metodo sopra descritto, ma il riscaldamento dell’apposito materiale sotto forma di filamenti avviene quasi nello stesso momento della realizzazione della stampa.
LOM ovvero “laminated object manufacturing” o produzione per laminatura degli oggetti. Consente di creare separatamente gli starti del prodotto finito e poi ogni strato viene posizionato su quello sottostante.
A cosa servono?

Questo tipo di macchinario può essere impiegato per la realizzazione di prototipi in modo rapido e poco costoso. Ciò consente a figure professionali quali ingegneri, ma anche designer, di avere concretamente il loro prodotto finito prima di iniziare la produzione e il tutto a costi relativamente bassi rispetto al passato. In ogni caso, gli ambiti di utilizzo sono molti:

– design e arte per poter esprimere la propria creatività
– architettura, per realizzare i modellini
– meccanica
– moda e gioielli
– didattica
– copisteria
– medicina e odontoiatria con protesi e addirittura organi umani
– alimenti soprattutto cioccolato e zucchero per la decorazione di dolci
– utilizzo domestico

Stampanti 3D

Stampante 3D al cioccolato, Lenovo

Quanto costa la stampa 3D?
Inizialmente i prezzi per acquistare questi macchinari era molto elevato anche per le aziende più importanti. Oggi, però, basta anche un investimento piuttosto contenuto. Attraverso una ricerca online si possono trovare molti siti che consentono di acquistare una stampante 3D a partire da poche centinaia di euro. Ad esempio su Amazon si può scegliere e  valutare vari modelli. Naturalmente più si è disposti a spendere maggiori saranno le prestazioni della macchina, ma per un utilizzo domestico e sporadico una cifra abbastanza contenuta consente di ottenere buoni risultati. Nel costo, però, bisogna considerare anche il materiale da acquistare: anche in questo caso essa varia dalla tipologia e dalla quantità necessaria.

Cosa ne pensate delle stampanti 3D? Credete che siano realmente rivoluzionarie o che nel tempo il loro utilizzo andrà a scemare?

FONTI: www.stampalo3d.com  tecnologia.libero.it

Categorie: News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *